CATALOGO: Between Land And Sea 2024 — V edizione

Editoriale a cura di Eva-Maria Bertschy e Izabela Moren

Speranza. È questa la parola usata dall’etnografa Elisa Bertuzzo e dalla media artist Doireann O’Malley nella descrizione del progetto SAPLINGS, attualmente in fase di sviluppo, che abbiamo ricevuto nel 2023 durante una residenzacondivisa con Fabio Aranzulla e Luca Cinquemani di Aterraterra.”Speriamo che la ricerca includa membri della comunità del Bangladesh a Palermo”, cioè speriamo che ci lascino entrare. Speriamo che si fidino di noi. Speriamo che vogliano essere inclusi. La speranza è una caratteristica dell’incertezza; speriamo nel meglio solo se non sappiamo.

È stata la speranza ad accompagnare Abou Bakar Sidibé nel suo viaggio da quando, dieci anni fa, ha lasciato la sua città natale, Bamako, per cercare fortuna in Europa? Probabilmente si tratta più di una fede cieca. Ma certamente una feroce determinazione a sfidare ogni tipo di ostacolo, che non avrebbe mai potuto prevedere, ma che si è continuamente frapposto sulla sua strada in forme sempre nuove. E poi è successo qualcosa di completamente imprevedibile: a Mont Gurugu, un insediamento informale sul confine di Melilla, due registi europei gli hanno dato una telecamera con alcune istruzioni. Poiché non ha seguito le istruzioni, ma la sua visione e la sua intuizione, Abou è diventato un regista e ha girato i più importanti festival cinematografici. Da allora documenta la sua vita. Volevamo invitarlo al festival tre anni fa, ma allora non aveva il permesso di soggiorno e non poteva viaggiare in Italia. Ora si unirà al festival come residente (in tutta legalità) per tre settimane.

Ci sono molti modi in cui l’incertezza può essere affrontata, vissuta con, vissuta nonostante e vissuta attraverso. Lavorando con molti collaboratori e istituzioni diverse, spesso seduti a tavola dopo un incontro o un evento, ci siamo resi conto che se c’è una caratteristica che collega innatamente le nostre pratiche e metodologie, è quella di lavorare con l’incertezza in una miriade di modi diversi. Mentre il mondo intorno a noi sembra diventare sempre meno solido, la serie di incontri dal titolo UNCERTAIN ENVIRONMENTS riunisce artisti, curatori, attivisti e ricercatori in vari punti della città per conferenze co-curate con i nostri partner di Istanbul, Spagna, Prizren, Bruxelles e Palermo che condividono le diverse metodologie e strategie sviluppate da persone e organizzazioni. Spesso questo richiede un’osservazione iniziale e un fragile equilibrio tra certezza e precarietà che dipende dalla definizione delle proprie regole e dalla flessibilità di cambiarle continuamente. Come dice il filosofo Byung-Chul Han, ogni soluzione crea un altro problema.

A volte, quando le persone sono convinte delle proprie capacità, corrono il rischio di avventurarsi in un territorio radicalmente sconosciuto. Ma se nella loro città erano grandi star, celebri musicisti, ballerini e giocatori di calcio, devono prima mettersi alla prova in un nuovo contesto, sentirsi come se stessero partendo da zero, cercare di capire le nuove regole, trovare nuovi sostenitori e fan. Lo spettacolo KONAMI – THE FOOTBALL DANCE racconta questa esperienza spesso frustrante, le molte altre connessioni tra calcio, danza e spettacolo, e un ambiente imprevedibile caratterizzato da potere, denaro e corruzione. Con questo spettacolo, l’ensemble transnazionale La Fleur torna a Palermo dopo aver iniziato a lavorare al progetto lo scorso anno con un workshop con un gruppo di giovani danzatori locali.

Il lavoro di Genny Petrotta, iniziato durante la scorsa edizione con una videoinstallazione a Piana degli Albanesi, racconta di un periodo in cui si verificarono grandi sconvolgimenti storici: verso la fine della Seconda guerra mondiale, quando la Sicilia era già stata liberata ma era ancora occupata dagli americani e molti attori diversi si contendevano l’influenza sul territorio in una partita geostrategica. In questo contesto, quando molte persone stavano morendo di fame e si trovavano di fronte a un futuro incerto, alcuni giovani, molti dei quali erano appena stati congedati dal servizio militare, decisero di dichiarare una repubblica contadina autonoma nella loro città natale. In un contesto di grande incertezza, un’utopia può prendere piede perché “gli oppressi prendono coscienza della loro situazione in modo più radicale in tempo di guerra”, come commenta l’attivista brasiliano Douglas Estevam del Movimento Sem Terra. Con la sua rievocazione poetica, la videoartista Genny Petrotta intende preservare l’eredità politica e culturale della sua città natale per consentire alle persone di farvi riferimento in tempi di crisi.

Anche Simone Mannino e il Mediterranean Ensemble (fondato tre anni fa nell’ambito del Festival Between Land and Sea) inseguono un’utopia, con attori di Palermo e Tunisi che costruiscono un ponte attraverso il Mediterraneo. Nel nuovo spettacolo, che ha debuttato l’anno scorso a Tunisi e che sarà presentato per la prima volta in Italia, esplorano l’idea di un mondo multietnico e multiculturale senza conflitti basandosi sulla figura storica di Eliogabalo. Nato in un’epoca simile alla nostra, caratterizzata da transizioni e declino, Eliogabalo rappresenta un momento di possibilità per trasformazioni significative e nuove visioni. I testi raccontano anche un ambiente in cui le persone influenti si contendono la loro capacità di influenzare gli sviluppi futuri e tutti, prima o poi, diventano corrotti.

Per la prima volta, l’urbano avrà una dimensione architettonica durante il festival grazie alla collaborazione con il team di :AFTER, il festival di architettura ospitato sotto forma di grand tour dell’isola nel 2023, e lo studio di architettura Michalski&Wagner. Il suo formato nomade si accamperà nell’area industriale dell’Ex-Chimica Arenella per ospitare ARENA ARENELLA, un’intera giornata di appuntamenti che invita i più innovativi professionisti dell’architettura a livello internazionale e altri operatori del territorio a riflettere insieme su ciò che lo sviluppo sostenibile e il place-making significano oggi e possono portare per il futuro, prendendo spunto dal concorso Reinventing Cities per il quale il sito dell’Arenella è stato candidato dall’amministrazione comunale. Arenella, come Between Land and Sea, è un sito vasto che può essere affrontato solo mettendo insieme le nostre migliori pratiche e intraprendendo un viaggio per rendere reale l’ignoto. Speriamo.

Tutti questi e molti altri progetti, idee, domande e opere rilevanti saranno esplorati e discussi nell’attuale edizione del Between Land and Sea Festival. Nel farlo, speriamo di trovare un po’ di pace e di fiducia in un tempo che a volte lascia poco spazio alla speranza. Ringraziamo tutti gli artisti, i professionisti e i partner per aver condiviso la loro esperienza, la loro fiducia e il loro tempo. I vostri contributi sono stati determinanti per lo svolgimento di questa edizione. Invitiamo tutti gli altri a unirsi a noi per pensare e festeggiare insieme, e attendiamo con trepidazione i potenziali contributi che potrete portare al tavolo.

SCARICA QUA IL CATALOGO!