Back to top

Room to Bloom

Room to Bloom riunisce artiste femministe con un background di migrazione che creano narrazioni ecologiche e postcoloniali dell’Europa. Associando artisti che – troppo spesso – occupano un posto periferico nel mondo delle arti e luoghi considerati geograficamente periferici (Sicilia, Ucraina, Polonia, Grecia), Room to Bloom cerca costruire un discorso sulla cultura europea che sia pienamente costruito sull’esperienza e la conoscenza della periferia e a riportarla al centro.

WEBSITE: roomtobloom.eu
ANNI: 2021 - 2023
PAESI: Francia, Italia, Varsavia, Kyiv, Grecia
STATUS: on-going
PARTNERS:
SUPPORTERS:

Co-finanziato dal programma Creative Europe dell’Unione Europea.

Nonostante sia assolutamente riconosciuto che i migranti e le donne hanno avuto un ruolo fondamentale nella storia delle arti europee – da Malevich a Picasso e da Tamara de Lempicka a Sonia Delaunay – oggi, il loro accesso al mondo dell’arte rimane enormemente limitato.

Fatta eccezione per alcuni volti più noti, per le donne e i migranti è estremamente difficile contribuire e partecipare al dibattito culturale artistico europeo per i notevoli ostacoli da affrontare.

Room to Bloom mira a cambiare questa situazione fornendo a questi artisti e operatori culturali la possibilità di superare il patriarcato e il razzismo del mondo dell’arte e sbocciare in un’Europa transnazionale.

Room to Bloom promuove giovani artisti e operatori culturali femministi permettendogli di affacciarsi nel panorama culturale europeo. Si concentra sul femminismo postcoloniale e il ecofeminismo, ed è aperto a tutti i generi e nazionalità.

I nostri obiettivi

  • Formare, assistere e sostenere le giovani artiste per co-creare opportunità professionali.
  • Creare una rete transnazionale di artiste femministe.
  • Formulare proposte per gestire pratiche artistiche postcoloniali ed ecofemministe.
  • Immaginare nuove narrazioni femministe ecologiche e postcoloniali per un’Europa transnazionale.

Programma, 19-22 novembre

Dopo il grande successo alla Biennale di Kyiv – Allied, Room to Bloom arriva a Palermo per la prima volta dal 19 al 22 di novembre. Room to Bloom è la prima piattaforma di artist* internazionali che lavorano con pratiche ecofemministe e decoloniali. Room to Bloom mira a riportare al centro della discussione temi sino ad ora solo marginalmente affrontati dalle istituzioni artistiche.
Perché Room to Bloom? La piattaforma riconosce che è il momento di navigare contro il patriarcalismo e il razzismo e di aprire nuovi spazi di sperimentazione e di discussione intorno al ruolo dell’arte nella società. E’ proprio da queste idee che parte il programma del Padiglione di Room to Bloom riflettendo sul ruolo inclusivo delle istituzioni artistiche come estensioni dello spazio comune e della cura.
Palermo, con la sua particolare condizione insulare di periferia, centro, confine e crocevia di culture, accoglie per quattro giorni 35 artisti provenienti da 18 paesi, che visiteranno spazi emblematici della città, trasformandoli in un “padiglione vivente” di arte in movimento.
Tutto questo sarà possibile grazie alla collaborazione con associazioni locali, artisti palermitani e internazionali. A cura di Marcela Caldas, il programma intitolato The Palermo Living Pavilion: weaving commons out of time, parte dal transfemminismo decoloniale e dall’ecofemminismo nel tentativo di smontare i circuiti e i dispositivi di esclusione nella produzione artistica.
d
Follow us